24
Ven, Nov

Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

É credenza popolare che nella notte tra il giorno di Ognissanti e il 2 Novembre, i morti ritornino sulla terra per far visita alle proprie case, dove "l'Anime u Priatorje" (le Anime del Purgatorio) trovavano preparata "A tavele" imbandita con pane e acqua affinchè si rifocillassero durante il loro girovagare. Nel bicchiere si lasciava una palma benedetta.
I fanciulli usavano mettere una calza vuota "A cavezètte de l'anime i murte" appesa ai piedi del proprio letto o dietro "U varrone da porte" (sbarra di ferro che sosteneva la porta d'ingresso) perchè convinti che i morti li riempivano di doni.

In realtà; erano i genitori che preparavano "A cavezètte (la calza dei Morti) che riempivano di noci, castagne lesse o arrostite, fichi secchi, melecotogne, carrube, melegrane, cachi "Legnà;sande alla vainile", ed altro.

L'entità; dei doni dipendeva dalle condizioni economiche della famiglia. Tutti i bambini, come credevano, avevano la loro calza riempita di doni.

Anticamente la calza era fatta a mano e rappresentava una modesta attività; popolare.

In qualche calza i genitori mettevano pezzi di carbone per qualche figlio discolo, per fargli capire che erano stati i morti che lo avevano voluto punire per la sua cattiveria.

C'era un detto popolare che spesso le mamme rivolgevano ai figli indisciplinati che così recitava: "Se fe u cattive i murte te mettene i carevùne 'nda cavezette" (se fai il cattivo i morti ti metteranno i carboni nella calza).

Questa usanza è scomparsa da molti anni, sostituita da calze confezionate e piene di cioccolatini, pasticcini e giocattoli che si comprano in bar e supermercati.

Il giorno della Festa dei Morti i ragazzi giravano per le case di parenti e conoscenti con la calza lunga che portavano a penzoloni sulle spalle nella speranza di riempirla di doni al grido "L'Anime i Murte", "A cavezette de l'Anime i Murte".

I pescatori di Manfredonia il giorno dei morti evitavano di uscire con le barche, anzitutto per rispetto dei tanti dispersi in mare e poi perchè per credenza popolare si dice che in quei giorni si teme che si pescano "I ciucchetelle".

Il culto dei morti nella nostra comunità; è ancora vivo, la maggior parte dei sipontini durante i giorni della ricorrenza invade letteralmente il cimitero per deporre fiori sulle tombe dei propri cari defunti.

Grazie a: http://www.manfredoniaeventi.it/news/2008/c281008.htm