14
Mon, Oct

"Apprezzamento per l'operato dell'Assessore regionale all'Agricoltura, Dario Stefano, sia per l'approvazione della graduatoria dei Gal che per il via libera regionale alla distillazione di crisi ed all'arricchimento dei mosti". E' quanto esprime Luigi Inneo, presidente provinciale della Copagri di Foggia, che invita le altre organizzazioni agricole e le Istituzioni comunali e provinciali ad "attivarsi per ottenere l'approvazione definitiva da parte del Ministro dell'Agricoltura, Luca Zaia, necessaria per la distillazione di crisi e l'arricchimento"...

Un provvedimento che "porterà sostegno alle aziende vitivinicole locali e che - ricorda Inneo - Copagri aveva, già da tempo, richiesto anche in Prefettura a Foggia. Tuttavia, i produttori devono sapere, che senza la successiva deliberazione del Ministro Zaia - sottolinea Inneo - la decisione dell'Assessorato regionale verrebbe vanificata e, purtroppo i tempi a disposizione sono davvero molto ristretti".  Secondo Copagri, è necessario quindi "lavorare tutti insieme nell'interesse del fondamentale settore vitivinicolo, per il quale - aggiunge Inneo - permane immutata la necessità di maggiori controlli, anche affinchè l'uva da tavola non venga vinificata.

Lo stesso impegno sinergico è indispensabile - prosegue il presidente Copagri - per tutte le leve strategiche dell'agro-alimentare di Capitanata, a partire dai Gal (Gruppi di Azione Locale) per i quali invitiamo tutti i protagonisti alla calma ed al rispetto delle regole, ritenendo - ammonisce Inneo - che l'arroganza e la prepotenza possano solo danneggiare il territorio che si afferma di voler difendere". La Copagri provinciale evidenzia che "i GAL Piana del Tavoliere, Dauno Ofantino, Gargano, Meridaunia e Daunia Rurale rappresentano grandi opportunità di sviluppo per il territorio di Capitanata, che ha proprio nell'agro-alimentare il suo cuore produttivo pulsante.

Essi devono vedere impegnati univocamente tutti i soggetti interessati. In questa direzione, è opportuno mettersi al lavoro subito, per recuperare il tempo perso, senza pensare - conclude Inneo -ad inutili tentativi di rivalsa".