17
Mar, Ott

Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Che sia il controllo della canna fumaria, della stufa a pellet o della caldaia, è questo il periodo dell’anno in cui gli italiani sostengono le spese per adeguare la casa alle temperature più rigide

Gli effetti del cambiamento climatico sono sotto gli occhi di tutti e al di là di quanto possa indicare il calendario, sembrerebbe che gli italiani saranno chiamati a prepararsi all’inverno in anticipo. Secondo l’indagine condotta da ProntoPro.it, a Bari per preparare la propria casa al grande freddo, si dovranno spendere fino a 2.115 euro contro una media nazionale che prevede una spesa di 2.340 euro.

 

Il controllo del sistema di scarico fumario è una verifica periodica indispensabile per ottenere un perfetto funzionamento del sistema di aspirazione dei fumi del camino e secondo la normativa vigente la pulizia deve essere realizzata da uno spazzacamino con una licenza regolare che al termine dei lavori rilasci un certificato di conformità. Analizzando le cifre medie necessarie a pagare il lavoro nei venti capoluoghi di regione, si scopre che a Bari si spendono 110 euro contro i 155 necessari ad esempio a Roma, la città più cara in cui adempiere all’obbligo della manutenzione ordinaria.  

Tra gli strumenti di riscaldamento più ecologici e con meno spese di gestione ci sono le stufe a pellet, in modo particolare quelle canalizzate che permettono di trasportare l’aria calda dalla stanza in cui si trovano a quelle attigue, tenendo di fatto tutta la casa al caldo.  Per questo tipo di stufa si spendono in media 1.900 euro, cifra di poco inferiore alla spesa media nazionale pari a 2.110 euro mentre i picchi più alti si registrano a Roma (2.600 euro), Milano (2.545 euro) e Palermo (2.400 euro).

La revisione della caldaia, con il rilascio del cosiddetto bollino blu, è obbligatoria per legge. La cadenza dei controlli da rispettare dipende dalla tipologia dell'impianto, ma è con l’arrivo dell’inverno che questo diventa di nuovo oggetto di interesse e a Bari è prevista una spesa media pari a 105 euro.

A dominare la classifica delle città in cui costa di più preparare la casa al freddo invernale è Roma, nell’Urbe concedersi tutte e 3 le installazioni costa 2.875 euro, a seguire si trovano Milano in cui si spendono 2.810 euro e Trento in cui influisce in maniera determinante il costo di installazione della stufa a pellet per un totale di  2.620 euro.

 

 

Segue tabella con i costi sostenuti nei capoluoghi italiani

 

Città

Controllo canna fumaria

Installazione stufa a pellet

Manutenzione caldaia

Totale

L'Aquila

                       

  115,00 €

                                        1.650,00 €

                                

 110,00 €

  1.875,00 €

Potenza

                        

105,00 €

                                        1.990,00 €

                                     90,00 €

  2.185,00 €

Catanzaro

                        

 100,00 €

                                        1.950,00 €

                               

  100,00 €

  2.150,00 €

Napoli

                       

  110,00 €

                                        1.635,00 €

                                 

105,00 €

  1.850,00 €

Bologna

                        

 120,00 €

                                        2.145,00 €

                                

 110,00 €

  2.375,00 €

Trieste

                         

140,00 €

                                        2.030,00 €

                                 

130,00 €

  2.300,00 €

Roma

                       

  155,00 €

                                        2.600,00 €

                                 

120,00 €

  2.875,00 €

Genova

                        

 120,00 €

                                        2.210,00 €

                                

 115,00 €

  2.445,00 €

Milano

                         

135,00 €

                                        2.545,00 €

                                 

130,00 €

  2.810,00 €

Ancona

                         

115,00 €

                                        2.070,00 €

                                

 100,00 €

  2.285,00 €

Campobasso

                         

110,00 €

                                        2.080,00 €

                                     90,00 €

  2.280,00 €

Torino

                         

130,00 €

                                        2.100,00 €

                               

  145,00 €

  2.375,00 €

Bari

                        

 110,00 €

                                        1.900,00 €

                                 

105,00 €

  2.115,00 €

Cagliari

                         

120,00 €

                                        1.835,00 €

                                

 115,00 €

  2.070,00 €

Palermo

                        

 105,00 €

                                        2.400,00 €

                                 

110,00 €

  2.615,00 €

Firenze

                         

120,00 €

                                        2.260,00 €

                                 

120,00 €

  2.500,00 €

Trento

                         

125,00 €

                                        2.380,00 €

                                

 115,00 €

  2.620,00 €

Perugia

                         

110,00 €

                                        2.000,00 €

                                     90,00 €

  2.200,00 €

Aosta

                         

115,00 €

                                        2.185,00 €

                                

105,00 €

  2.405,00 €

Venezia

                        

 100,00 €

                                        2.270,00 €

                                 

135,00 €

  2.505,00 €

ITALIA 

120,00 €

2.110,00 €

110,00 €

  2.340,00 €