16
Mar, Gen

Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nuova onorificenza per il carabiniere originario di Nardò già insignito della Medaglia d’Oro al Merito Civile nel 1998, per aver salvato numerose persone dallo tsunami del ‘97 a Bibione, provincia di Venezia.    

Il Maresciallo dell’Arma dei Carabinieri e Comandante di Stazione del Comune di Fragagnano (Ta), Giancarlo Inguscio originario di Nardò, ha ricevuto un altro ed ineguagliabile encomio per essersi distinto in ambito militare. Al carabiniere è stata conferita l’onorificenza di Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana.   La meritatissima cerimonia in suo onore ha avuto luogo nei giorni scorsi presso gli uffici della Prefettura di Taranto

Giancarlo Inguscio

Storicamente, l’Ordine al Merito della Repubblica nacque nel lontano 1951, al fine di ricompensare persone, enti, istituzioni o organizzazioni che, dimostrano di aver partecipato con merito a operazioni civili e che, con la propria attività, hanno contribuito ad elevare l’immagine del Sistema, dando prova di significative capacità propositive e gestionali o singolari doti di altruismo e abnegazione. L’Ordine, dunque, nasce per insignire di benemerenze  acquisite verso la Nazione, in campo delle lettere, delle arti, dell’economia e nell’impegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari. Infatti, il carabiniere neretino il 26 maggio 1998 guadagnò la Medaglia d’Oro al Merito Civile, per aver salvato numerose vite umane in occasione di una violenta tromba d’aria e di un forte tsunami presso la località balneare di Bibione, provincia di Venezia, il 20 luglio 1997

21034299 354649344967536 6029860084388338072 n

Giancarlo Inguscio - Ph. Ilaria Reggio 

Motivazione scatenante fu rintracciabile nel aver coordinato partecipando personalmente alle operazioni di soccorso che, consentirono di trarre in salvo numerose persone coinvolte. La motivazione ufficiale posta  alla base dell’attribuzione della medaglia d’oro è rintracciabile nel valoroso spirito d’altruismo e lo sprezzo del pericolo che, lo hanno motivato a compiere quel sano ed apprezzato gesto di profondo altruismo. “In occasione di una violenta tromba d’aria che, abbattutasi in località balneare densamente abitata, provocava numerosi feriti ed ingenti danni materiali,con eccezionale abnegazione coordinava e partecipava personalmente alle operazioni di soccorso che consentivano di trarre in salvo numerose persone, riscuotendo il riconoscente plauso di autorità e popolazione”. Queste sono le testuali parole riportate nella motivazione. Nel 2014, presso la caserma “Porcelli”, sede del Comando dell’11^ “Battaglione Carabinieri Puglia”, in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della fondazione del Corpo, lo stesso Inguscio era tra i 24 militari pugliesi che hanno avuto un riconoscimento speciale per il valore, l’attaccamento alla divisa e l’alta abnegazione al dovere, dimostrati. Il Generale di Brigata, Claudio Vincelli gli consegnò, un attestato per rinnovare la riconoscenza peril gesto eroico risalente al 1997. Nardo

Giancarlo Inguscio insignito a Nardò 

Lo stesso Inguscio il 19 luglio 2017 è stato il protagonista indiscusso di una cerimonia commemorativa per il venticinquesimo anniversario della morte di Paolo Borsellino, memoriale avuto luogo presso la sala consiliare “ Renata Fonte” di Palazzo Personé, nel Comune di Nardo’.  Nel corso della cerimonia il Sindaco Pippi Mellone ha conferito una targa al neretino d’origine, accompagnata con la documentazione ufficiale di attribuzione. Si attesta da una nota stampa del Comune di Nardò: « Il proposito dell’Amm. Comunale è quello di far emergere e premiare azioni e valori positivi espressi da quanti, tra residenti e nativi della città, si distinguono nell'opera di servizio allo Stato e alla comunità, ovvero nella promozione della cultura e della scienza, della pratica del volontariato in ambito sociale, sanitario, educativo, ambientale, culturale e sportivo, nella crescita e nello sviluppo solidaristico della comunità locale ovvero in azioni di coraggio, abnegazione e spirito di servizio». Alla cerimonia erano presenti anche: Francesco Mandoi, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Antonio De Donno, procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Lecce, Claudio Palomba, prefetto di Lecce, i sindaci dei Comuni della provincia di Lecce e gli  scout del Gruppo Scout Nardò 2.  

Inguscio Fischetti 696x928

Giuseppe Fischetti (Sindaco di Fragagnano e Giancarlo Inguscio)

Giancarlo Inguscio, 48 anni, originario di Nardò, è stato per anni un componente del Nucleo Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Manduria e, pertanto, si è fatto già conoscere e apprezzare dalla comunità manduriana per le sue doti e per l’attaccamento al servizio. Ora il maresciallo Inguscio, invece, svolge il proprio servizio presso la Stazione di Carabinieri del Comune di Fragagnano, raggiungendo risultati impareggiabili. 21105584 354654158300388 5188220282826990613 n

Giancarlo Inguscio insignito a Fragagnano (Ta) - Ph. Ilaia Reggio  

Infatti, il 13 agosto 2017 la comunità e il Comune di Fragagnano, lo hanno omaggiato con una targa al valore militare. Durante la cerimonia di consegna, il primo cittadino il dr. Giuseppe Fischetti gli ha conferito una targa con la relativa  documentazione di attribuzione ufficiale. 

21105615 354649374967533 4666243425323564562 n

Targa Comune di Fragagnano (Ta) - Ph. Ilaria Reggio 

La medesima targa a firma del primo cittadino attesta: “L’Amm. Comunale e l’intera comunità a distanza di vent’anni dal conferimento della Medaglia d’Oro al Merito Civile, per aver salvato numerose vite umane in Bibione (Ve), rendono Omaggio al Comandante della Stazione dei Carabinieri Giancarlo Inguscio per il continuo ed esemplare impegno profuso per il Comune di Fragagnano”.