15
Fri, Nov

Diversamente da quanto è sempre pensato, sono numerosi i trattamenti estetici di cui possiamo assistere le donne in cura, anche nel corso delle terapie. Tra le molte sfide e difficoltà che una donna affronta durante il periodo della malattia oncologica, infatti, i cambiamenti dell'aspetto fisico  occupano un posto rilevante. Questo è conseguenza inevitabile degli  effetti collaterali elencati dalla terapia chirurgica, dalla chemioterapia e dalla radioterapia. Un valido supporto è l'Estetica Oncologica e di questo delicato tema si parlerà venerdì 18 ottobre 2019 , alle ore 17.00 nella Sala Anfipoli di Palazzo Baronale in P.za San Giovanni, presso il Comune di Sava (Ta).

IMG 20191007 WA0001

 

L'Estetica oncologica, un nuovo modo di affrontare il cancro per il benessere del paziente ” questo è il titolo del pubblico convegno organizzato dall'Amministrazione Comunale di Sava, i cui redini sono affidati al Sindaco, l'Avv. Dario Iaia. Il convegno in programmazione verrà come obiettivo, quello di informare la comunità su come si può migliorare la qualità della vita delle persone in terapia oncologica e non solo. La singolare iniziativa è patrocinata dall'Ass . APEO (Associazione Professionale Estetica Oncologica) che insegna alle estetiste come effettuare trattamenti di benessere e bellezza su pazienti in terapia oncologica , fondati su principi medico - scientificie una collaborazione tra le professioni sanitarie e quelle del benessere. L'Ass. APEO si prefigge lo scopo principale di migliorare la qualità della vita delle persone in terapia oncologica e non solo, formando estetisti professionisti, che assicura i requisiti forniti dall'Associazione con tutte le conoscenze teoriche e pratiche per effettuare trattamenti di bellezza e di benessere su persone che stanno affrontando tali terapie. I saluti istituzionali di tale evento saranno portati dall'Avv. Dario Iaia , Sindaco del Comune di Sava e dall'Avv. Roberta Friolo in qualità di Ass.re alle Politiche Sociali e Rapporti con l'Ambito dei servizi sociali e la ASL

iaia

Avv. Dario Iaia - Sindaco del Comune di Sava (Ta) 

In una dichiarazione il Sindaco Dario Iaia dichiara: « Questa iniziativa rientra nel novero di eventi che, come amministrazione abbiamo organizzato e patrocinato nel campo della cultura, sanità, attività economiche, artistiche, ecc .. » Sottolinea  Iaia : « Lo abbiamo fatto pensato riteniamo il compito di un'amministrazione sia anche quello di offrire la cultura e l'informazione nel modo più corretto ed imparziale possibile e questo importante convegno è su questa lunghezza d'onda ».

Friolo

Avv. Roberta Friolo - Ass.re Servizi Sociali del Comune di Sava (Ta) 

Puntualizza la dichiarazione dell'Assessore ai Servizi Sociali  Roberta Friolo: « L'obiettivo  comune è quello di migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici, diffondendo la cultura della cura basata non solo sugli aspetti medico - biologici, bensì anche riguardo gli aspetti psicologici ». Al convegno interverranno: il Dott. Salvatore PISONTI - Direttore del Dipartimento Internazionale di Oncologia dell'Area Jonico Adriatica ( Il funzionamento della Rete Oncologia in Puglia ) , Dott. Pino NETTIS - Dirigente Medico Oncologo Ospedale Generale Regionale F. Miulli (Il Ruolo delle Associazioni per Il Benessere delle PERSONE in terapia oncologica ), Dott.ssa Anna SCALISE - Psicologa Psicoterapeuta della struttura Semplice Dipartimentale di Psicologia Ospedaliera Chimica ( Io e l'altro allo specchio ), Dott.ssa Carolina Ambra REDAELLI - Presidente Associazione Professionale Estetica Oncologica ( L'attenzione al benessere e alla qualità della vita durante la terapia oncologica: uno studio di estetica oncologica ) ed infine la Dott.ssa Angela TURCHIANO - Psicologa presso l'Ospedale Generale Regionale F. Miulli (La qualità di vita come diritto da riconoscere al paziente oncologico ). E 'fondamentale per le donne che stanno vivendo il difficile percorso della terapia oncologica continuare a sentirsi belle e affrontare la malattia con il sorriso. Oggi accanto alle terapie oncologiche esiste la possibilità di pensare alla propria bellezza nonostante il tumore e questo può cambiare molto la percezione di se stesse come malate di cancro.

A fine interventi, il programma prevede, anche, un dibattito tra esperti, pazienti e cittadini, ma soprattutto un grande spazio alle testimonianze dei pazienti oncologici per evidenziare il ruolo attivo e partecipativo del malato durante il percorso terapeutico.