15
Mer, Ago

Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Riscoperta delle tradizioni, solidarietà, promozione del territorio: è con questo spirito che il circolo Arci “Il Ponte” di Ginosa organizza la festa “Genose, Tèrre de U’ Munachicchie”, quest’anno giunta alla quarta edizione. Ricco il programma della manifestazione che a causa del maltempo non si svolgerà più nella gravina ma nella centralissima piazza IV Novembre, a Ginosa.

Questa mattina, a Palazzo del governo, la presentazione ufficiale dell’iniziativa con gli esponenti del circolo Arci “Il Ponte” Stefano Giove (presidente), Rosa Perrone, Gianna Latorre, Franco Pizzulli, il segretario provinciale dello Spi-Cgil Vincenzo Caldarulo, l’assessore alle Politiche sociali del comune di Ginosa, Stefano Notarangelo, il vicepresidente del consiglio provinciale Teresa Galeota ed il consigliere regionale, Paolo Costantino.
Tutto pronto, quindi, per la festa in programma domani e dopodomani, 11 e 12 agosto, durante la quale sarà possibile visitare stand, mostre artistiche, partecipare a giochi, degustare prodotti tipici, acquistare oggetti e souvenir e assistere a spettacoli musicali e teatrali.

La festa “Tèrre de U’ Munachicchie”, che quest’anno approfondisce in particolare il tema delle erbe officinali, rappresenta l’epilogo di un lungo lavoro di preparazione che anche quest’anno ha visto impegnati non solo i soci Arci ma anche i rappresentanti del mondo associativo. In programma anche la premiazione dei vincitori della Gara del Centrino più Bello (centrini realizzati da anziane donne che saranno “sottoposti a referendum” popolare durante la festa).
Spettacoli di primo piano per le due serate che avranno inizio alle ore 21.
Nel corso della prima serata, saranno ospiti i musicisti della “Francesco Sossio Band” con lo spettacolo dalle sonorità murgiane “Muretti a Secco”. Il 12 agosto sarà la volta del teatro con la realizzazione della commedia in vernacolo in tre atti “Non zé schèrze cu U’ Munachicchie”, scritta dal professor Vincenzo Cantore, diretta da padre Gilberto Magni e interpretata dai soci Arci. Per i più piccoli (e non solo) oltre ai giochi ed alle magie ci saranno gli spettacoli della compagnia di burattini “Il Flauto Magico”. Le serate saranno presentate da Rosa Perrone, Alessandro Morea e Danila Pignalosa.

Dai rappresentanti istituzionali ai soci Arci, unanime è stato l’apprezzamento per il coinvolgimento ed il sostegno garantiti dal Comune di Ginosa, dalla Provincia di Taranto e dalla Regione Puglia.
“Ginosa merita la massima attenzione da parte delle istituzioni. La Provincia di Taranto – ha dichiarato ai giornalisti Teresa Galeota, portando anche il saluto del presidente Gianni Florido – è ben lieta di essere al fianco del circolo Arci ‘Il Ponte’ e dunque di sostenere questa bellissima iniziativa. Siamo infatti convinti che anche grazie a queste manifestazioni è possibile valorizzare una terra, quella ginosina, ricca di potenzialità sotto tutti i punti di vista”.