19
Dom, Ago

Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il titolo -"È qui la musica"- di per sé crea aspettativa. Anche perché, dopo svariati anni, la Fiera del Levante, farà coincidere le giornate della Campionaria con altrettante giornate di musica, da mattina a sera, dalla classica alla leggera. Compresa la riabilitazione della cassa armonica con le migliori bande cittadine della regione che ogni giorno si daranno il cambio sull'evocativa "torta" di luci, grancasse e ottoni. In questa prospettiva nelle settimane che separano dall'inizio della Fiera del Levante, in programma dal 12 al 20 settembre, negli uffici si lavora alacremente per far quadrare un programma fitto, affidato al coordinamento del critico cinematografico Carlo Gentile e alla direzione artistica del critico musicale Nicola Morisco.

Sono in tanti a collaborarvi, dalla Fondazione Petruzzelli a Casa Piccinni, dai conservatori pugliesi alle Bande e al Teatro pubblico pugliese, passando attraverso giovani professionalità come quella di Michele Casella. I luoghi deputati saranno i padiglioni 7 e 116 con i relativi spazi antistanti riservati rispettivamente a cassa armonica e a palco per i concerti della sera. Al mattino le lezioni e le presentazioni dei volumi a cura di casa Piccinni e al pomeriggio i concerti della rassegna "Mousikè" che, quest'anno, appunto si sposterà in Fiera. Dalle 19,30 partiranno i concerti curati dai conservatori di Bari, Monopoli, Lecce e Foggia. Per arrivare alla sera con gli showcase che ospiteranno, tra gli altri, un progetto di bossa-jazz firmato da Dario Schepisi con Fabrizio Bosso, Fabrizio Accardi, Mirko Signorile e Daniele Scannapieco, il duo Mario Stefano Pietrodarchi e Luca Lucini e una serata dedicata a Woodstock con le voci di Erica Mou e Tiziana Felle. E, ancora, Dub Sync e Il Genio. La Fondazione curerà, tra gli altri appuntamenti, un gala lirico-sinfonico allo Spazio 7

I convegni saranno dedicati allo stato della critica musicale in Italia, della musica in Puglia e all'editoria musicale. «Abbiamo cercato di realizzare un programma per diversi tipi di pubblico - spiega Carlo Gentile - con un'offerta musicale che spazia dalla musica colta e raffinata sino ai generi più popolari e conosciuti dal grande pubblico. Così come, i convegni e gli incontri in calendario porteranno Bari alla ribalta nazionale e faranno il punto sulla musica scritta e non solo suonata».

Un numero zero che potrebbe diventare un appuntamento annuale di riferimento per gli appassionati di musica. «Così come abbiamo già fatto con la ripresa di Expolibro, nell'ambito del recente ExpoLevante - aggiunge il presidente della Fiera, Cosimo Lacirignola - la Fiera prosegue il suo impegno nel campo della cultura che continuerà nel 2010 con una serie di attività e di nuovi appuntamenti fieristici dedicati al cinema, alla televisione, al calcio. Con un'attenzione particolare all'area mediterranea e balcanica». Appuntamenti di punta saranno l'Mtm (il Mediterranean tv market), il Cyber Export, dedicato alle realtà virtuali e un Salone del calcio. A partire dal prossimo ottobre un intero padiglione, il numero 3, sarà deputato alle attività culturali con mostre permanenti. Insomma, come conclude Lacirignola "una Fiera più intelligente, attiva tutti i mesi dell'anno".

(C) Bari.repubblica.it