Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

ROSETO VALFORTORE – Il 26 e 27 settembre, Roseto celebrerà un doppio evento: la Rassegna del Tartufo e la prima edizione del “Leonard Falcone Festival” dedicata a colui che, prima di emigrare negli Stati Uniti, ha fondato il complesso bandistico di Roseto Valfortore. Al musicista, che negli Usa fece parte della banda che un tempo accompagnava i presidenti statunitensi nelle grandi parate, saranno dedicate una conferenza (sabato 26, ore 19.30, piazza Bartolomeo) e le sfilate e i concerti tenuti dall’ensamble di sassofoni “Saxofonia” e dalle bande di Roseto e Foggia. Il maestro Domenico Zizzi, inoltre, terrà una masterclass sugli strumenti a fiato.

Anche la Rassegna del Tartufo, tradizionale appuntamento di settembre, prenderà il via sabato 26 settembre con le degustazioni serali in tutto il centro storico. Domenica 27, il programma della giornata sarà particolarmente ricco: al mattino, le vie del borgo saranno riempite dal profumo e dai colori del “Mercatino del Tartufo e dei prodotti tipici”. In contemporanea con l’apertura della galleria del gusto, si terrà la gara dei cani da tartufo. Alle 11, la sfilata per le vie della città della Banda di Roseto Valfortore. Alle 17 la riunione della Federazione delle Bande Musicali della Provincia di Foggia. In serata, con inizio alle ore 20.30, l’anfiteatro ospiterà il concerto di Saxofonia. A “Re Tartufo”, imperatore del gusto doc, Roseto Valfortore dedica un intero weekend con degustazioni, musica e tante altre iniziative, tra cui la riunione per il rilascio dei tesserini con l’autorizzazione alla raccolta del prezioso tubero.

Sabato 27 e domenica 28 settembre, il borgo rosetano ospiterà la “Rassegna del Tartufo dei Monti Dauni”. In diversi punti di ristorazione convenzionati, i visitatori potranno compiere un viaggio alla scoperta delle ricette a base di tartufo, con la degustazione di pietanze tipiche e vini doc. A Roseto Valfortore, il tartufo è una risorsa preziosa per l’economia locale ed è un elemento distintivo dell’enogastronomia tipica del paese.